Perchè il Liceo Linguistico oggi

Lo studio delle lingue vive offre l’opportunità allo studente di conoscere culture diverse ,la cui ricchezza dal punto di vista letterario, storico, filosofico e artistico consente di interpretare in modo più consapevole l’attuale società ,in cui i confronti di civiltà e culture sono sempre frequenti; al tempo stesso, lo studio di più lingue straniere apre la possibilità di comunicare in modo concreto e reale in contesti socio-culturali sempre più vari e dinamici. In questo contesto , attento alla modernità , ma con solide basi nel passato, verrà conservata nel corso del biennio un’attenzione al latino come apertura al mondo linguistico e culturale da essa veicolato, e che costituisce inesauribile fonte letteraria, artistica e filosofica dell’intero patrimonio europeo.
In particolare, l'area linguistico-letteraria è rafforzata dalla presenza del latino, il quale offre l'opportunità di una prospettiva storico-comparativa nello studio delle lingue straniere moderne.
A completare il quadro culturale contribuiscono le discipline dell'area storico-filosofico-artistica e dell'area scientifica. L'insegnamento delle quattro lingue si avvale dell'apporto di qualificati lettori di madre lingua . La preparazione che il corso offre qualifica dunque per ogni facoltà universitaria.

Obiettivi

Grazie alla conoscenza delle lingue e civiltà straniere, nota dominante dell'indirizzo,

  • si incoraggia una solida educazione alla tolleranza e  al rispetto dell'alterità.
  • si promuove il valore della comune cittadinanza Europea.
  • si offre un qualificante strumento per l'accesso ad ogni altro settore della cultura e della sensibilità moderna

 

Sbocchi possibili

Studi universitari in tutto l'arco dell'offerta formativa post-diploma. In particolare, sia corsi di laurea specifici dell'ambito delle lingue straniere, sia corsi in cui le lingue  svolgono un ruolo di supporto rispetto a conoscenze specifiche di altri ambiti (tecnologico, scientifico, economico, medico, giuridico, comunicazione...)  Inserimento nel terziario avanzato: pubbliche relazioni, turismo, comunicazioni di massa, mediazione culturale, relazioni internazionali, uffici esteri, editoria...


A chi è rivolto

A chi ama mettersi in gioco nell'interazione linguistica con persone parlanti lingue diverse dalla propria. A chi si sente naturalmente portato a riprodurre con facilità sistemi fonetici diversi dal proprio. A chi trova gratificante l'atto comunicativo nella misura in cui esso riesce a tradurre un sapere in un fare. A chi si sente incuriosito di fronte a realtà geografiche, civiltà, culture diverse ,e ritiene che la padronanza linguistica possa offrire una valida chiave di accesso alla loro comprensione.


Piano degli studi del liceo linguistico

Il liceo linguistico statale d’ordinamento è stato introdotto con il D.P.R. 89/2010; il liceo ‘Cicerone’ ha attivato questo indirizzo liceale a partire dall’ a.s. 2012-13.

 

Discipline 1° Bennio 2° Biennio V
anno
I
anno
II
anno
III
anno
IV
anno
Lingua e letteratura italiana 4 4 4 4 4
Lingua e cultura latina 2 2 - - -
Lingua straniera 1 (Inglese)1 4 4 3 3 3
Lingua straniera 2 (Francese)1 3 3 4 4 4
Lingua straniera 3 (Spagnolo o Tedesco)1 3 3 4 4 4
Storia e Geografia 3 3 - - -
Storia - - 2 2 2
Filosofia - - 2 2 2
Matematica2 3 3 2 2 2
Fisica - - 2 2 2
Scienze naturali3 2 2 2 2 2
Storia dell’Arte - - 2 2 2
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2
IRC (Religione) o attività alterantive 1 1 1 1 1
Totale ore settimanali 27 27 30 30 30
1. Sono previste 33 ore annuali di conversazione col docente madrelingua
2. Con Informatica al primo biennio
3. Comprende Biologia, Chimica, Scienze della terra

 

Al termine del percorso di studi del Liceo Linguistico la studentessa e lo studente  liceale dovranno

  • avere acquisito in due lingue moderne strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento;
  • avere acquisito in una terza lingua moderna strutture, modalità e competenze comunicative corrispondenti almeno al Livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento;
  • saper comunicare in tre lingue moderne in vari contesti sociali e in situazioni professionali utilizzando diverse forme testuali;
  • riconoscere in un’ottica comparativa gli elementi strutturali caratterizzanti le lingue studiate ed essere in grado di passare agevolmente da un sistema linguistico all’altro; essere in grado di affrontare in lingua diversa dall’italiano specifici contenuti disciplinari;
  • conoscere le principali caratteristiche culturali dei paesi di cui si è studiata la lingua, attraverso lo studio e l’analisi di opere letterarie, estetiche, visive, musicali, cinematografiche, delle linee fondamentali della loro storia e delle loro tradizioni;
  • sapersi confrontare con la cultura degli altri popoli, avvalendosi delle occasioni di contatto e di scambio.